Tour La lunga Via delle Dolomiti - vacanze in bicicletta
Home » Viaggi in bici a richiesta » La lunga Via delle Dolomiti

La lunga Via delle Dolomiti

 

In bicicletta sulla ciclopista Cortina-Calalzo e la strada Alemagna

Divertente e rilassante percorso, prevalentemente in discesa, e in buona parte su pista ciclabile, nello splendido paesaggio dolomitico con partenza dal Lago di Misurina e arrivo a Belluno.

Da Belluno un breve transfer ci porta a Misurina dove, compiuto il piacevole giro del lago iniziamo a scendere. Dopo qualche bel tornante, a Carbonin, imbocchiamo la Lunga Via delle Dolomiti che segue il tragitto della vecchia ferrovia Calalzo – Cortina valorizzato come bellissima pista ciclabile. Un primo breve tratto è in leggera salita, ma poi la discesa è continua da Cimabanche fino a Calalzo. La ciclopista, nella parte più alta, ricompresa nel Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo, ha fondo sterrato ben battuto ed è circondata dai boschi.

Cortina d’Ampezzo, la perla delle Dolomiti, posta nell’ampia vallata alpina del Boite, è la prima cittadina dell’itinerario, è circondata dalle splendide Dolomiti Cadorine che ci fermiamo a guardare: le Tofane, il Pomagagnon, il Cristallo, il Faloria e il Sorapiss, il Becco di Mezzodì, la Croda da Lago e le Cinque Torri. Dopo la rinomata frazione di San Vito di Cadore arriviamo in breve a Pieve di Cadore dove soggiorniamo. Pieve, antico paese cadorino e sede della Magnifica Comunità, si trova poco prima di Calalzo dove termina la ciclopista sulla vecchia ferrovia.

L’itinerario segue poi un percorso altrettanto affascinante, la vecchia strada statale 51 di Alemagna che è stata per molto tempo un'importante arteria di collegamento tra la pianura veneta e i paesi di lingua tedesca, da cui il nome Alemagna, antico sinonimo di Germania. La strada partiva dalla periferia di Conegliano per arrivare a Dobbiaco. Esistente come via di comunicazione già in epoca romana deve il suo attuale aspetto all’Arciduca Ranieri d'Austria che dispose il totale rifacimento della strada e la sua ricostruzione sull'odierno tracciato; l'opera fu terminata nel 1830. In territorio cadorino la statale ha perso completamente di importanza (tranne che per un tratto di un km), perché sostituita da una nuova strada più larga e veloce comprendente 4 gallerie. Questo ci permette di percorrere tranquillamente in bicicletta, come degli antichi cavalieri, la vecchia statale, godendoci il panorama di questa valle alpina dapprima stretta e profonda, ma che man mano va allargandosi fino a diventare, a Longarone, molto ampia.

Sopra di noi la diga del Vajont, ancora sinistra e inquietante. Con un breve transfer andiamo a visitarla per esorcizzare quei fatti lontani. Tornati a valle ci facciamo rassicurare dalla trasparenza delle verdi acque del Fiume Piave che ci ha accompagnato per tutta la discesa e che, infine, a Belluno ci saluta con rammarico.

Luoghi di particolare interesse

Patrimonio dell’Umanità per l’Unesco: le Dolomiti.

Chiesetta di OspitaleLaghetto nei pressi di CimabancheCiclopista delle Dolomiti nei pressi di CortinaNel Parco delle Dolomiti d'AmpezzoLungo la ciclopista, sullo sfondo Le TofaneGallerie della vecchia ferrovia

Servizi previsti nei tour già effettuati

  • 2 pernottamenti, con prima colazione, in alberghi 4 stelle *.
  • 1 cena, a tre portate, di piatti tipici locali, con bevande comprese (¼ di l di vino o 300 cl di birra) acqua e pane a volontà.
  • 2 pranzi al sacco composti da pane, affettati, formaggi, frutta, dolcetto, acqua.
  • 3 accompagnatori: 2 in bicicletta e 1 sul veicolo al seguito (2 accompagnatori per gruppi da 10 a 15).
  • Visite come da programma.
  • Trasferimento in pulmino di partecipanti e biciclette da Belluno al Lago di Misurina.
  • Breve transfer da Codissago alla Diga del Vajont.
  • Veicolo al seguito per tutto il tour per garantire: il servizio di trasporto bagagli, i pic-nic per i pranzi/spuntini, la disponibilità e l’assistenza durante la pedalata.
  • Assicurazione medico/bagaglio e per il rischio di annullamento viaggio.
  • Guida a colori con info storico – artistiche e sull’itinerario in bicicletta. 

 

COME PRENOTARE

Questo tour è stato proposto e realizzato negli anni scorsi è quindi ben collaudato. Verrà ripresentato nei prossimi anni ma può essere attivato, su richiesta, per gruppi, anche piccoli. Il prezzo è da definire e dipende dal numero di partecipanti e dal tipo e quantità di servizi richiesti.
Sopra sono indicati i servizi forniti per i tour precedenti che possono essere diminuiti, aumentati e personalizzati in base alla richiesta.

Come prenotare

 

INFORMAZIONI GENERALI TOUR IN BICI

Durata: 3 giorni, 2 notti, 2 giorni in bicicletta

Periodo: da definire; viaggio attivabile su richiesta di gruppi.

Difficoltà: facile

Località: Italia > Veneto

Sviluppo percorso: il tour prevede un itinerario cicloturistico itinerante di 2 tappe con ritrovo a Belluno e partenza in bicicletta dal Lago di Misurina. Il percorso in bicicletta si sviluppa per metà circa su pista ciclabile, per il resto su strade secondarie a basso traffico con brevissimi tratti a traffico medio e per un lungo tratto sulla antica strada statale Alemagna che ha perso completamente la sua importanza, e quindi il traffico, a seguito della realizzazione di nuovo percorso veloce. Il fondo è prevalentemente asfaltato e di sterrato in buono stato. L’andamento è in parte in discesa salvo qualche tratto pianeggiante e qualche lieve salita.

Visite: visita guidata della Diga del Vajont

 

 

PROGRAMMA PERCORSI IN BICI

1° giorno
Arrivo individuale a Belluno.

2° giorno
Lago di Misurina > Pieve di Cadore 
65 km circa – percorso in discesa con la sola salita da Carbonin a Cimabanche.

3° giorno
Pieve di Cadore > Belluno 
50 km circa – percorso in discesa, pianeggiante e con qualche lieve salita.