Albania, bici e mare

Un giro quasi circolare nella zona sud dell'Albania: la linea di costa tra spiagge deserte e alti passi, e l'entroterra con città di pietra, sorgenti incantate e vallate selvagge.

Tour con Guida
A partire da

€ 1.070,00

  • dal 1 al 10 giugno 2018
  • 10 giorni, 9 notti
  • Medio/impegnativo
  • Min. 8 partecipanti
  • La spiaggia nei pressi di Valona
  • Occhio blu, la sorgente del fiume Bistrice
  • L'arrivo a Argirocastro
  • Berat, la città dalle mille finestre
arrow_back arrow_forward

La partenza in bicicletta è dalla cittadina di Fier, vicina al sito archeologico di Apollonia. Ci si inoltra tra le campagne e lungo bellissime spiagge solitarie. Dopo un piccolo guado, si costeggia la laguna di Narta e si arriva a Vlorë/Valona, la terza città dell’Albania. Da Valona si sale al Passo di Llogarà, al centro dell’omonimo parco naturale ricco di boschi di pini macedoni. Dal passo si segue, vista mare, tutta la costa sud quasi selvaggia fino al sito archeologico di Butrinti. Il mare è limpidissimo, pochi i centri abitati. Le coltivazioni a oliveto si alternano ai boschi di pino d’Aleppo e alle zone brulle punteggiate da grandi piante di quercia. Gli ambienti attraversati sono diversi: monti aridi e scoscesi, boschi e terrazzamenti coltivati, zone con morbide colline, calanchi di terra rossa o grigia, canyon scavati dai fiumi. L’acqua è presente ovunque: torrenti, sorgenti, laghi e fiumi. 

Lasciata la costa percorriamo alcune piacevoli vallate interne e soggiorniamo in due città in pietra patrimonio dell’umanità: Gjirokastër/Argirocastro e Berat. Percorriamo in jeep una valle selvaggia e, chi vorrà farlo, potrà concludere con un’esperienza veramente speciale: la discesa, con canoe da rafting, del tratto più spettacolare del Fiume Osumi in un ambiente unico che attira appassionati da tutta Europa per la bellezza del canyon con pareti a picco, piccole cascate e per il paesaggio circostante ancora incontaminato.

L’Albania, in lingua originale Shqipëria, affascina e conquista, non solo per il mare, i paesaggi e la natura, ma anche per l'atmosfera che si respira, per la gente che si incontra, sorridente, mite e ospitale, accogliente e rispettosa, orgogliosa della sua vita semplice che a noi sembra quella di cinquant’anni fa. La storia più antica del Paese racconta di un grande passato di lotte e resistenza al turco conquistatore, quella più recente e più nota è quella dei 40 anni di durissima oppressione del regime comunista. La tradizione, legata a una forte cultura morale, è molto sentita e si coniuga con una sorprendente apertura mentale. In questo Paese convivono, integrandosi, tre religioni: quella cristiana cattolica, la ortodossa e la musulmana. 

In Albania, diversamente da quanto si può essere portati a pensare, non c’è alcun problema di sicurezza e nei villaggi e nelle piccole città si può passeggiare a tutte le ore indisturbati. Il tour ha inoltre un valore particolare perché è accompagnato dall’amico Bashkim Hyka che ci farà capire, apprezzare e amare il suo paese.

 

  • 1° giorno / Arrivo a Tirana

    Arrivo a Tirana
    • Arrivo individuale all’aeroporto di Tirana con appuntamento alle ore 12. Successivamente transfer a Krujë per la visita del Museo di Skanderbeg; si prosegue poi verso la sud fino a Fier. 
      Non è garantita la visita del Museo di Skanderbeg per arrivi all’aeroporto di Tirana successivi alle ore 12. Per i partecipanti che arrivano via mare a Durazzo e per chi arriva in aeroporto a Tirana dopo le ore 18:00 il transfer verso Fier è a proprio carico.
      Pernottamento a Fier

       

  • 2° giorno / Fier > Valona

    65 km – dislivello in salita 100 m circa
    • La partenza in bicicletta è dalla cittadina di Fier, vicina al sito archeologico di Apollonia. Ci si inoltra tra le campagne e lungo bellissime spiagge solitarie. Dopo un piccolo guado, si costeggia la laguna di Narta e si arriva al Monastero ortodosso di Zvernec e dopo la visita a Vlorë/Valona, la terza città dell’Albania.
      Pernottamento a Valona 

       

  • 3° giorno / Valona > Dhërmi

    42 km – dislivello in salita 700 m circa
    • Da Valona si sale al Passo di Llogarà, all’interno di un parco naturale ricco di boschi di pini macedoni. Dal passo si segue, vista mare, tutta la costa sud quasi selvaggia, il mare è limpidissimo. Ci fermiamo a Dhërmi il primo villaggio lungo la costa. La salita al passo è lunga e non è fattibile da tutti, è previsto un breve trasferimento in auto per arrivare al passo. Chi vuole può naturalmente compiere l'impresa dell’intera salita al Passo di Llogarà. Pernottamento a Dhërmi 

  • 4° giorno / Dhërmi > Himarë

    27 km – dislivello in salita 400 m circa
    • Tutta la costa sud è quasi selvaggia. Il mare è limpidissimo, pochi i centri abitati. Le coltivazioni a oliveto si alternano ai boschi di pino d’Aleppo e alle zone brulle punteggiate da grandi piante di quercia. Abbiamo diviso la strada in più tappe per consentire di godere anche il mare.
      Pernottamento a Himarë 

  • 5° giorno / Himarë > Sarande

    58 km – dislivello in salita 200 m circa
    • Gli ambienti attraversati sono diversi: monti aridi e scoscesi, boschi e terrazzamenti coltivati, zone con morbide colline, calanchi di terra rossa o grigia, canyon scavati dai fiumi. L’acqua è presente ovunque: torrenti, sorgenti, laghi e fiumi. Concludiamo la tappa a Sarande, antica città sul mare devastata da un’edilizia selvaggia.
      Pernottamento a Sarande

  • 6° giorno / Sarande > Butrinti

    20 km – dislivello in salita 200 m circa
    • Tappa molto rilassante dedicata a una giornata al mare di Ksamil prima di arrivare per la visita al sito archeologico di Butrinti e al vicino albergo circondato dalla frescura.
      Pernottamento a Butrinti 

  • 7° giorno / Butrinti > Occhio Blu – Argirocastro

    47 km – dislivello in salita 300 m circa
    • A Butrinti lasciamo il mare e costeggiamo la laguna e percorriamo strade di campagna per immetterci poi sulla strada per il Passo di Muzines. Costeggiamo il Fiume Bistrice fino alla deviazione che ci porta all’Occhio Blu, una delle sorgenti più belle e più importanti del fiume. Dopo la visita e il bagno nella sorgente percorriamo in auto la strada per il passo fino ad arrivare a Argirocastro.
      Pernottamento a Argirocastro 

  • 8° giorno / Argirocastro > Përmet

    45 km – dislivello in salita 200 m circa
    • Lasciata Argirocastro percorriamo alcune piacevoli vallate interne costeggiano due grandi fiumi, prima il Drimos e poi il Vjoses. Attraversiamo il Ponte di ferro di Dragot costruito dagli italiani nel ’39, qui fu zona di scontri sanguinosi. Dopo un pranzo di agnello allo spiedo arriviamo a Permet, un tipico villaggio dell’interno. Qui finisce il percorso in bicicletta.
      Pernottamento a Përmet 

  • 9° giorno / Përmet > Berat

    Percorso in fuoristrada
    • Percorriamo in jeep una valle selvaggia dove sosteremo più volte per ammirare il paesaggio. Chi vorrà potrà concludere con un’esperienza speciale: la discesa con canoe da rafting del tratto più spettacolare del Fiume Osumi con pareti a picco, piccole cascate e con un paesaggio circostante ancora incontaminato.
      Pernottamento a Berat

  • 10° giorno / Transfer Berat > Tirana

    Partenza da Tirana
    • Partenza ore 7 per transfer in auto da Berat all’aeroporto di Tirana. Fine dei servizi e saluti in aeroporto ore 11 circa. 

La Quota Individuale
  • € 1.070 in camera doppia
  • € 1.230 in camera singola
  • € 1.040 in camera tripla

Modalità di iscrizione

L'iscrizione avviene con il versamento dell'acconto. Con il bottone PRENOTA puoi versare la somma utilizzando la carta di credito. Se preferisci altri sistemi di pagamento, scrivi qui. Raggiunto il numero minimo previsto, il tour verrà confermato via mail con le specifiche per il pagamento del saldo (carta di credito o bonifico bancario).

Sviluppo percorso

Il tour prevede un percorso cicloturistico itinerante, composto da 7 tappe in bicicletta e 1 in fuoristrada. Le strade percorse sono a basso traffico o, per brevi tratti, a traffico medio. Il fondo è prevalentemente asfaltato, salvo qualche tratto di sterrato. L’andamento è a saliscendi, sono presenti varie salite, alcune impegnative. L’ultima tappa è in fuoristrada, prevede la salita ad un passo e varie vallate. Dal fondovalle parte la discesa con canoe da rafting (facoltativa) nel canyon del Fiume Osumi; che è fattibile solo con portata d’acqua sufficiente.

Gallery
  • La quota comprende
    • 9 pernottamenti con colazione in hotel 2, 3 e 4 stelle
    • 9 tasse di soggiorno
    • 8 cene di piatti tipici con bevande comprese (¼ di l di vino o 330 cl di birra) acqua e pane a volontà. Molte cene sono di pesce; è previsto un menù alternativo per chi non lo mangia
    • 8 pranzi leggeri presso ristorantini (primo piatto e/o insalatona, acqua)
    • 2 accompagnatori: Bashkim Hyka in bicicletta che racconta la vita e la storia dell’Albania, e 1 sul veicolo al seguito
    • 1 spettacolo musicale folk con musica dal vivo
    • Visite guidate di: Museo di Skanderbeg a Krujë, sito archeologico di Butrinti, Forte di Alì Pascià Tepelene, Castello e Casa tradizionale di Argirocastro, Museo delle Icone di Berat
    • Fuoristrada al seguito per assistenza, trasporto bagagli, brevi transfer e per trasporto biciclette ove necessario
    • Guida con info storico – artistiche e sull’itinerario
    • Assicurazione medico/bagaglio e di rischio di annullamento viaggio
  • La quota non comprende
    • Noleggio bicicletta
    • 1 cena, ingressi a musei e monumenti
    • Mance, extra e quanto non espressamente previsto
  • Servizi extra
    • € 150 noleggio bicicletta tipo mountain bike
    • Servizio di transfer

Informazioni generali

Noleggio biciclette

Il set di noleggio bicicletta include il lucchetto, sono disponibili alcune borse posteriori. La bicicletta viene consegnata e ritirata sul posto. A chi si porta la propria bicicletta, per via aerea, potrà essere custodito l’involucro del trasporto.

Strutture alberghiere

In Albania la classificazione degli alberghi in stelle non è un requisito richiesto dalla legislazione vigente. Le strutture scelte sono paragonabili ai nostri alberghi 3 e 2 stelle, sono di ottimo e buon livello e sono spesso le migliori, in alcuni casi le uniche, della zona.

Numero di partecipanti e documenti

È previsto un minimo di 8 persone e un massimo di 15, con meno adesioni il tour non può essere effettuato e le quote versate vengono rimborsate. Per i cittadini europoi non è necessario il passaporto, serve carta di identità valida per l’espatrio.

Info sulla quota, sostituzioni, annullamenti e penalità

L'acconto di € 250 va versato alla prenotazione del tour. Il saldo del viaggio si versa a conferma del tour e non oltre un mese dalla partenza. Il costo di iscrizione di € 35 è già incluso nella quota individuale e comprende assicurazioni e gestione pratica; tale somma non può essere rimborsata in caso di annullamento del tour da parte del partecipante, a viaggio confermato. 

La sostituzione di un partecipante è possibile purché l’agenzia ne sia informata e a condizione che il sostituto soddisfi tutte le condizioni per la fruizione del servizio. Le spese di segreteria sono quantificate a forfait in € 20. 

Nel caso di rinuncia al viaggio si applicano le seguenti penalità che possono essere rimborsate, se e nelle quote previste, dall'assicurazione contro il rischio di annullamento: dalla prenotazione a 46 giorni dalla partenza penalità pari all’acconto versato; a 45 giorni penalità del 50 %; a 30 giorni penalità del 100 %.

Info e modifiche del programma

NOTA BENE. Il giorno dell'arrivo non è garantita la visita del Museo di Skanderbeg di Krujë per arrivi all’aeroporto di Tirana successivi alle ore 12. Successivamente alla visita il gruppo prosegue in auto per Fier. Per i partecipanti che arrivano via mare a Durazzo e/o per chi arriva in aeroporto a Tirana dopo le ore 18 il transfer verso Fier è a proprio carico perché il gruppo è già passato oltre queste località. 

Prima della partenza vengono date, via e-mail, altre info utili sul tour in bicicletta in particolare i nomi e i recapiti degli accompagnatori e eventuali informazioni aggiuntive. Il programma sopra indicato può subire qualche lieve modifica, durante il tour, a causa di motivi organizzativi o climatici.